Dove trovare lavoro in remoto? I siti migliori (con recensioni annesse per tipo)

0 1 anno ago

Quando si cerca lavoro online esistono numerosi siti a cui fare riferimento. Sicuramente esistono tante differenze nei siti, però è possibile effettuare una classificazione in base ai tipi di servizi offerti. Lo scopo di questa guida è quindi quello di fornire un elenco attendibile di questi siti, con relative descrizioni e criticità. L’articolo non ha la pretesa di essere esaustivo, anche perché il web evolve molto rapidamente e potrebbe far diventare tale documento obsoleto in pochi anni. Inseriremo inoltre anche dei link con alcune delle parole chiave.

Per approfondire la lista delle parole chiave e capire anche i vantaggi del lavoro in remoto ho scritto un precedente articolo che si trova qui.

Andiamo ora ad analizzare le categorie di questi siti web, che sono nello specifico tre:

Motori di ricerca

Un motore di ricerca non è un vero e proprio sito, bensì un aggregatore di siti (un po’ come Google) specifici degli annunci di lavoro. In sostanza, qui troverete tutti i risultati provenienti da altre fonti, che in alcuni casi sono a loro volta raccolgono risultati che rimandano a terze fonti.

Pro: Grande quantità di materiale

Contro: Scarsa qualità e rischio di annunci falsi e truffe (qui una mia guida per tutelarsi)

Il più famoso è sicuramente Indeed (link:1 qui, 2 qui, 3 qui, 4 qui). In questo caso abbiamo tre link, perché nel primo si inserisce nella casella “dove” lavoro in remoto, nel secondo e terzo ho inserito dove “Italia” e le parole chiave “lavoro in remoto” e “smart working” e “remote working”. Di solito sono solo 2, perché il “dove” è per il momento inteso solo come luogo fisico con rare eccezioni tra cui Indeed e Linkedin.

Un altro sito, questa volta italiano, è Carrerjet: la sua italianità fa sì che abbia una minore quantità di annunci, ma una maggiore qualità di questi ultimi rispetto ad Indeed.

È possibile trovare annunci di lavoro in remoto 1 qui e 2 qui 3 qui .

Siti di annunci di lavoro

Questa è una categoria in cui si trovano annunci di lavoro totalmente interni alla piattaforma, sono molto più attendibili perché i due siti prevedono annunci a pagamento per le aziende. Dunque c’è un controllo sulla qualità molto più elevato ed un’attendibilità maggiore. Ad esempio, questo è garantito dal fatto che, se un utente-datore di lavoro paga per inserire l’annuncio, è poco probabile che quest’ultimo sia falso.

Inoltre, questa fonte è spesso usata dalle Agenzie per il Lavoro che mediamente sono sintomo di qualità e attendibilità (con le dovute eccezioni).

Infojobs: altro sito italiano, molto attendibile e che permette anche di vedere lo stato della candidatura (se il Curriculum è stato visionato, e così via). Funzionalità, questa, sicuramente interessante e da provare. Potete trovare annunci di lavoro da remoto 1 qui; 2 qui, 3 qui.

Monster, molto simile ad InfoJobs. È da tenere d’occhio in combinato disposto con il precedente, per cercare di trovare annunci magari assenti nelle altre fonti. Gli annunci li trovate 1 qui, 2 qui, 3 qui.

Jobbydoo sempre lo stessa tipologia. 1 qui, 2 qui, 3 qui

Social Network

Quando pensiamo ai social media associati al mondo del lavoro, non può che venirci in mente LinkedIn. In questo caso la procedura di linking a offerte di lavoro in remoto è leggermente più articolata perché, purtroppo, i link non si aprirebbero.

Ho tuttavia spiegato nel dettaglio, con tanto di immagini, come trovare il lavoro in remoto su LinkedIn: la mia guida prevede sia la possibilità di inserire “a distanza” nella casella “dove”, sia il semplice uso di scrivere le parole chiave citate (smart working, lavoro in remoto, remote working, ecc. nella casella “cosa”).

Per un maggiori dettagli leggete qui.

Circa LinkedIn vorrei dedicare ulteriore attenzione ad un’altra area del sito che è quella dei gruppi, molti da scoprire come questi: Find Remote, Part-Time, Freelance, and Flexible Jobs with FlexJobs! qui, che rimandano essenzialmente a FlexJobs che pure è un sito interessante, perché specializzato nei lavori part-time e a distanza.

Unica pecca: è completamente in inglese.

Su LinkedIn ci sono davvero tantissimi annunci di lavoro, ed il mio consiglio per non perdersi nei meandri di questo social media è di cercarli anche nelle lingue che conoscete (spagnolo, francese e così via) oltre che usando parole in italiano. Un vantaggio impagabile di Linkedin è quello che ti permette di studiare l’azienda che ha messo l’annuncio, trovare il recruiter che l’ha inserito e contattarlo anche solo per ottenere maggiori informazioni sull’offerta.

Un ragionamento analogo vale anche per Facebook, in cui esistono dei gruppi monotematici sul lavoro in remoto, tra cui questo. Risulta difficile dare una panoramica completa, perché è un fenomeno ancora in evoluzione.

15 Siti specializzati nel lavoro in remoto

Parliamo, adesso, di siti web, quasi tutti stranieri, nati esclusivamente per promuovere offerte di lavoro in remoto. Più che lavori stabili offrono lavori per freelancer e “nomadi digitali”, e spesso hanno a che fare con piccoli progetti da portare avanti che possono essere collegati alla creazione di una grafica, un sito e così via. Ottimo dunque per giovani, studenti e per chi vuole arrotondare. 

Tra questi siti, tanti e variegati, io consiglio principalmente UpWork, che ho testato personalmente: gli altri sono comunque attendibili e da scoprire. 

Ovviamente, consiglio sempre di leggere bene tutto prima di inviare dei propri lavori.

  1. Twago (qui), lingua italiana;
  2. Add Lance (qui), lingua italiana;
  3. BeyongTheBox (qui), lingua italiana (qui si inseriscono le proprie competenze e le aziende ti scelgono in base ai progetti che stanno portando avanti, una modalità più etica) (in un commento trovate maggiori info);
  4. Remotive (qui), lingua inglese;
  5. Remote.co (qui), lingua inglese;
  6. Freelancer.com (qui), lingua inglese;
  7. Up Work (qui), lingua inglese;
  8. We Work Remotely (qui), lingua inglese;
  9. Fiverr (qui), lingua inglese;
  10. No Bluff Jobs (qui), lingua inglese;
  11. Remote ok (qui), lingua inglese;
  12. Skip the Drive (qui), lingua inglese;
  13. Pangian (qui), lingua inglese;
  14. Angel List (qui), lingua inglese;
  15. Power to the fly (qui), lingua inglese.

Il panorama è dunque parecchio ampio, se si conosce la lingua inglese inoltre è davvero immenso perché ci si può riferire a mercati stranieri molto più estesi di quello italiano. Imparare l’inglese può dunque essere essenziale per approcciarsi con maggiore successo a questa tipologia di lavoro.

Ci tengo molto a sottolineare che siamo la prima generazione che potrà lavorare dignitosamente in variegati ambiti a distanza, senza dover migrare come i nostri genitori, nonni e avi.

Mi piace pensare di essere uno dei primi meridionali (sia come generazione che come persona), che ha scelto di non migrare e lavorare per i grandi centri occupazionali del nord Italia o all’estero senza dovermi trasferire fisicamente lì. Questa è una libertà che non tutti hanno avuto nel passato e che è importante trasmettere alle generazioni attualmente in età lavorativa.

Capire le potenzialità del remoto è il primo passo per mettersi in gioco seriamente e poter dare una svolta nuova e rivoluzionaria alla propria vita, rispetto a chi ha dovuto patire l’amarezza di dover migrare non per scelta, ma per fame ed assicurarsi una vita dignitosa.

Siate eroi di voi stessi, dipende anche da voi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *