Come riconoscere le Fake news? 5 consigli

0 1 anno ago

Per fake news intendiamo tutti quei contenuti (articoli, immagini, video) che diffondono notizie false al pubblico con l’effetto di alimentare tendenzialmente paura ed odio alimentando informazioni che creino “nemici immaginari” e che alimentano pensieri di odio, rabbia e indignazione spesso per promuovere razzismo contro minoranze (donne, bambini, meridionali, omosessuali, ebrei, musulmani, intellettuali e così via).

Imparare a conoscere queste notizie è essenziale per non “essere manipolati” da informazioni spazzatura che sono sbagliate e creano un’immaginario falso dei problemi che trattano.

Diversità culturale come leva per la crescita economica.

Il problema è molto serio tanto che “Facebook chiude 23 pagine italiane con 2.4 milioni di follower: diffondevano fake news e parole d’odio” (qui) alcuni di loro anche per finalità di propaganda politica e sociale.

Queste politiche di odio hanno reso il nostro Paese vulnerabile alla manipolazione delle idee e sta creando un clima di odio sui social e nella società italiana sempre più razzista.

Gli effetti sono misurabili, infatti “i crimini d’odio motivati da ragioni etniche, religiose e razziali sono in aumento da anni” (qui).

Questo è un problema, perché “diversità culturale, digitalizzazione e mondializzazione, sono i principali motori dello sviluppo futuro non solo delle industrie culturali e creative ma anche delle società europee” (Formez qui).

Ecco alcuni consigli per difendersi ed avere un approccio più consapevole e responsabile.

1 Controllare la fonte o autore dell’articolo

 Cercare il nome dell’autore (per esempio dell’articolo o video) sul web. Bisogna andare a capire se abbia scritto o firmato altri contenuti simili, controllare l’esistenza dei suoi social (Facebook, Instagram, Linkedin) oltre ad un sito/blog.

Se ha una scarsa presenza online è probabile che si tratti di uno pseudonimo e sia fake.

2 Verificare le notizie su altre pagine attendibili

Un ulteriore passaggio è cercare la notizia su Google e vedere se venga trattata da giornali nazionali o credibili (Repubblica, Huffigtonpost, Rai news 24, Sky tg 24, Ansa ecc.). Difficilmente una notizia così “importante” e “clamorosa” non viene ripresa da testate di questo tipo. Qualora nessuno di queste testate serie riporti la notizia è probabile che sia complottismo da 4 soldi e dunque fake news.

3 Scrivere il titolo della notizia su Google con vicino la parola Fake

Spesso molte bufale sono state già smascherate, dovete solo andare a cercare su Google. Questa operazione può essere anche utile per vedere quali siano i siti che riportino questa notizia, se sono “sconosciuti” o l’unica fonte è una poco attendibile, tipo “giornale di un comune di un Paesino di 1000 persone”. Consiglio di visitare questi 3 siti per capire quali siano le fake news che hanno smentito scientificamente e con argomentazioni logiche basate sui fatti. La scienza non è opinione, è basata su i fatti. Consiglio di verificare o approfondire le notizie su fonti di divulgazione serie e controllate come: Butac ; Bufale.net ; Attivissimo.

4 Controllare il sito e la pagina “Chi siamo”

Alcuni siti web di fake news si riconoscono perchè nel loro indirizzo ci sono degli elementi strani- Infatti invece di finire con il classico .it o .com, essi finiscono “.lo” oppure “.com.co”. Qui potete immediatamente chiudere il sito perchè potreste anche prendere dei virus. Inoltre controllate la pagina “Chi siamo” per capire meglio.

5 La grafica del sito

Se il sito appare molto vecchio e “brutto” rispetto a quelli moderni allora uscite direttamente, chiunque faccia seriamente il lavoro di giornalista o di blogger ecc. ha un sito aggiornato e funzionale.

Nel caso abbiate dei dubbi o siate certi che si tratti di una Fake news potete usufruire del servizio della polizia statale per la segnalazione e la verifica delle informazioni (qui) in modo tale che si faranno dei controlli per eliminare eventualmente il contenuto falso e che crea danni ai cittadini.

La digitalizzazione è un processo che porta tanti vantaggi ma dobbiamo essere pronti ad affrontare gli effetti collaterali che può portare, lottare contro le fakenews è una sfida che la nostra società deve affrontare seriamente, in prima persona tutti e con una mentalità tollerante ed educata. Dipende da voi stessi. Siate eroi di voi stessi e non delegate tutto agli altri. #BeYourHero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *