Bon ton ed educazione su LinkedIn, 3 consigli su come apparire più professionali

0 2 anni ago

Spesso ho posto l’accento sulla pro-attività che devono avere gli utenti quando usano questo social, come dai precedenti articoli, che è un tratto essenziale per avviare una strategia coerente con i propri scopi personali (miglioramento professionale, trovare lavoro e/o clienti ecc.) Vedi Guida e Consigli su come trovare Lavoro su LinkedIn () e Riflessione per chi cerca lavoro: Terza rivoluzione industriale, il mercato del lavoro e la nuova tecnologia.

Oggi vorrei invece soffermarmi su alcuni aspetti “più passivi”, ma spesso trascurati. Bisogna capire che LinkedIn è un social, in cui la relazione è essenziale. Per attivare queste relazioni bisogna comunicare nel modo giusto, infatti lo scopo di ogni utente dovrebbe essere quello di apparire professionali visto che Linkedin è un social network del lavoro. Questo vale per chi cerca lavoro, per chi vuole affermarsi come professionista e per chi vuole trovare clienti.

Ecco alcuni semplici 3 consigli che possono esservi utili

Foto professionale

Chi mi segue, sa che ho scritto un articolo a riguardo. No selfie, vestiti in maniera professionale, niente occhiali da sole o foto tagliate di vacanza ecc. Nel caso recuperatevi l’articolo sul mio profilo, è qui.

Completare il profilo al 100%

Mi raccomando completate anche il profilo con più informazioni possibili! Non c’è nulla di più “triste” che aprire un profilo vuoto. In cui magari è scritto in maniera molto superficiale che lavoro si fa, senza manco una descrizione, e solo l’ateneo/istituto senza nemmeno l’indirizzo di studi. Capisco che sia tedioso completarlo, ma se siete su LinkedIn vale la pena farlo seriamente, per non apparire superficiali o pigri.

Linguaggio da SMS

Non credo sia una cosa da poco chiedere di scrivere in italiano corretto evitando espressioni come: xkè, qnt, cm e così via. Lo stesso dicasi per chi scrive tutto in maiuscolo. Nel linguaggio del web significa urlare. Ad esempio “CHIARO” (persona che urla); “è chiaro” (Tono di voce normale). Ricontrollate i vostri post. Errare è umano, perseverare è diabolico!

Rispondere ai messaggi in chat

LinkedIn ci invita ad allegare una nota, prima di chiedere il collegamento. Secondo me è il caso di usare questa possibilità per avviare un primo approccio educato con la persona. Iniziatelo a fare, invece di collegarvi con le persone senza nemmeno visitare il profilo. Inoltre sarebbe buon costume anche rispondere, anche sbrigativamente con un “La ringrazio e buona giornata” piuttosto che visualizzare e non rispondere o non visualizzare proprio il messaggio. Questo fenomeno è particolarmente ostico, perchè spesso molti “recruiter” lamentano questa situazione, quando vorrebbero proporre anche un lavoro ad una persona.

Nel digitale come noi comunichiamo è essenziale e quindi dobbiamo imparare un poco le regole del gioco, così come la vita reale ha delle consuetudini apprese nel tempo, così possiamo evolvere anche in un contesto digitale. Sta a noi capire e farci intelligenti.

Ricordate che dipende da voi la costruzione del vostro futuro #BeYourHero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *